Spazio@indipendente

sabato 6 settembre 2014

Ma quale europa dei popoli?

La guerra in casa




Il momento è drammatico,chi si volta dall'altra parte oggi avrà sulla coscienza milioni di morti e il giudizio della storia sarà impietoso,oggi come ieri la storia passa da qui,il vecchio continente ancora una volta diventa il campo di battaglia di guerre ed interessi venuti da lontano e che ben poco avrebbero a che vedere con i nostri reali interessi,perchè la realtà è questa signori,che vi piaccia o meno siamo di nuovo alle soglie di un conflitto su vasta scala ed in casa nostra,un conflitto che gli europei dovrebbero aborrire in ogni modo vista la meschinità con cui si stà sviluppando...ma il condizionale è d'obbligo visto che il continente europeo è stato sovvertito dall'interno con la creazione della più grande tirannia che l'uomo ricordi dall'impero romano.
L'unione europa che doveva essere  dei popoli ha calato presto la maschera mostrando il suo vero volto,l'unione è una monarchia colonialista subordinata e controllata in ogni suo aspetto dall'impero anglo-americano che ne detta i tempi e i modi,siamo diventati una gigantesca portaerei rampa di lancio delle mire espansionistiche dei sopracitati dominatori del mondo verso oriente,senza ormai nessun diritto di replica o veto.
Se si analizza la politica estera europea degli ultimi anni non si può non riscontrare come i popoli di questo sciagurato continente non abbiamo assolutamente capacità decisionali in quanto ogni singola 
decisione venga calata dall'alto come una manna,leggi divine inoppugnabili dogmi che gli europei devono solo subire magari con un sorriso in quanto "parola del signore".
La mia ironia è figlia di una rabbia atavica,ciò che vediamo compiersi sotto i nostri occhi è qualcosa di inaccettabile a cui dobbiamo dire no,oggi noi europei siamo vittime della più grande opera di sovversione mai vista,per questi motivi non possiamo girare il capo,se lasciamo andare questo mostro oggi questo si mangerà i nostri figli e i figli dei nostri figli come sta oggi uccidendo i figli dei nostri 
fratelli in medio oriente come in Africa.



Il fronte ucraino


Il pericolo di una guerra mondiale in europa oggi rivive in Ucraina e spaventa soprattutto per come si è sviluppato,se tra chi leggera questo post ci fosse ancora qualche boccalone che crede ancora che gli ucraini vogliano entrare in europa per essere liberi di pagare il fiscal compact e introdurre nella propria costituzione il pareggio di bilancio o di comprare un 50 caccia bombardieri dalla locked "vedi la genuflessa Italia", gli consiglio di abbandonare questa lettura ed andare ad investigare sulle vere cause,di andare a studiare un pò di geopolitica  spicciola,per tutti gli altri che non si lasciano abbindolare dagli euro-media sapranno che la shell ha firmato un'accordo nel 2013 con l'allora presidente Viktor Yanukovich per l'estrazione di una immensa quantità di gas scisto di cui il sottosuolo ucraino sarebbe pieno,il contratto "da fonti varie" sarebbe della durata di 50 anni nella zona del dombass dove verrebbero scavati dagli 80 ai 140.000 pozzi d'estrazione.
Un territorio immenso, che si espande su 7.886 chilometri quadrati, che comprende la città di Slavyansk (situata al centro del giacimento), Izyum, una grossa parte di Kramatorsk, così come centinaia di piccoli insediamenti: Krasnyj Liman, Seversk, Yasnogorka, Kamyševka. Sempre secondo l’accordo, «gli abitanti che risiedono su questo territorio, come da contratto, devono vendere la proprietà della loro terra». In caso di rifiuto, la terra «verrà loro tolta con la forza a favore di Shell». E tutte le spese della società per l’“appropriazione del territorio” verranno risarcite dallo Stato ucraino con il ricavato dell’estrazione del gas. Per questo, Kiev è tenuta a garantire il rispetto di tutte le clausole, imponendole alle autorità locali.

Oltre alla Shell la eurogas ucraina di proprietà dell'inglese Mc Callan oil confluita nell'americana eurogas e la Burisma oil che annovera nel suo  direttivo pensate un pò il figlio di joe Biden....
se due indizi non fanno una prova..



La Russia è Europa



Quello che alla luce dei fatti bisogna chiedere ai nostri vertici è cosa ci guadagna l'Europa da questa guerra vergognosa?
Già immagino le fandonie monterebbero il duo Renzi-Mogherini su una domanda simile,la verità è che l'europa ha già perso in questa assurda farsa.
  1. Il costo in vite umane,le prime stime parlano di più di 2000 morti e oltre 4000 feriti dall'inizio della    diciamo "rivolta"
  2. Il costo delle sanzioni alla Russia le stime del SACE  stimano nel biennio 2014/15 una perdita da 1 a 2,5 miliardi di euro per il nostro paese,settori più colpiti l'agroalimentare,il meccanico,il calzaturiero e la moda in generale,insomma un vero salasso
  3. L'uscita della Russia dal G8.La Russia nel mirino delle forze anglo-americane rappresenta un ulteriore tassello nel disegno imperialista di questo potere,in quanto toglie indipendenza agli stati europei e li vincola sempre più ad una stretta dipendenza in tema di risorse primarie come gas e petrolio dagli USA senza contare che un Europa con la Russia all'interno come stato membro sarebbe una vera potenza mondiale in grado di esercitare una vera leadership nel mondo in grado di dire la propria e di contrastare in modo energico su scala mondiale i dictact USA-ENG che questa europetta oggi subisce dagli alleati 

La Tela del ragno 


La paura più grande degli americani è proprio quella di un Europa che si sviluppi ad est, trovi un asse con la Russia di Putin e che formerebbe una potenza mondiale che si porrebbe con diverso piglio sulle politiche economiche e estere,visti i 17 triliardi di dollari di debiti per loro è di vitale importanza che una vera unione europea come si deve non nasca e a tal fine si prodigano con la creazione di gruppi sovranazionali atti a sovvertire e a manipolare i governanti europei che puntualmente vengono foraggiati,indottrinati o fatti fuori a seconda delle vicissitudini,basti pensare alla Commissione Trilaterale,il Billdeberg Group,il Council of Foreign Relation,il Comitato 133,il Club di Roma o l'Aspen Istitute,tutti gruppi dove i personaggi più influenti della politica e dell'economia mondiale,si riuscono per discutere decidere le linee guida delle politiche degli anni venturi con direttive che poi si traducono puntualmente in leggi atte a favorire questo o quel cartello,in cui tutte le maggiori multinazionali sono sempre ben rappresentate e dove tra loro spartiscono fette di mercato creando monopoli e massacrando l'economia dei piccoli imprenditori locali. 
Una ragnatela fitta di rapporti più o meno segreti,volti a favorire sempre la stessa cerchia di potere 
che determina i rapporti di forza all'interno degli stati nazione europei scavalcando le democrazie,
una rete ad hoc creata per sovvertire la sovranità dei popoli europei,altro che europa dei popoli....


Lettera agli Efesini
"La nostra battaglia non è contro creature fatte di carne e sangue,ma contro le  potestà e i principati,contro i dominatori di questo mondo di tenebra,contro gli spiriti del male che abitano le regioni celesti."



CONTINUA







domenica 10 agosto 2014

Un ente governativo USA, il CDC, ha brevettato, ossia “inventato”, un ceppo di Ebola.

Tempo di aprire gli occhi su cosa sono realmente le pandemie e da cosa sono mosse…

(NaturalNews) L’ente americano CDC, Centers for Disease Control (Centri per il controllo delle malattie) possiede un brevetto di un particolare ceppo di Ebola, noto come “EboBun.” E’ il brevetto Nr. CA2741523A1 ed è stato conferito nel 2010. Lo potete vedere qui. (Grazie ai lettori di Natural News che l’hanno trovato e l’hanno portato alla nostra attenzione.)
I richiedenti il brevetto sono chiaramente descritti sul brevetto ed includono:
il Governo degli Stati Uniti d’America, rappresentato dalla Segreteria, dal Dipartimento per la Salute e Servizi Umani ( Department Of Health & Human Services) e dal Centro per il Controllo delle Malattie (Center For Disease Control).
Il riassunto del brevetto dice, “L’invenzione riguarda i vurus dell’Ebola umano isolato (hEbola), denotato come Bundibugyo (EboBun), depositato a mezzo dei Centers for Disease Control and Prevention – Centri per la Prevenzione e Controllo delle Malattie- (“CDC”; Atlanta, Georgia, United States of America) il 26 novembre 2007, a cui è stato concesso un numero di collocazione 200706291.”
Prosegue dicendo: “L’attuale invenzione si basa sull’aver isolato ed identificato una nuova specie di virus Ebola umano, l’ EboBun. L’ EboBun è stato isolato dai pazienti affetti da febbre emorragica in una recente epidemia in Uganda.”
Degno di nota è, tra l’altro, che l’EboBun non è la stessa variante che si crede attualmente stia circolando in Africa occidentale.
Chiaramente, il CDC ha bisogno di espandere il suo portafoglio brevetti ed includere piu’ ceppi e questa puo’ ben essere la ragione per cui, in prima istanza, vittime americane di Ebola sono state portate negli Stati Uniti. Leggete quanto sete e tirate le vostre conclusioni…
Raccogliere Ebola dalle vittime per archiviare brevetti

giovedì 7 agosto 2014

“Per l’Italia si avvicina la fine”, e Rcs silura De Bortoli

Qualcosa di esplosivo sta accadendo nei piani alti del mainstream italiano: a rompere il tabù, prospettando l’arrivo della famigerata Troika, il triumvirato tecnocratico composto da Commissione Ue, Bce e Fmi, è stato il direttore del “Corriere della Sera” Ferruccio De Bortoli. «Il direttore del “Corriere” ci descrive lo scenario che ci aspetta il prossimo autunno», avverte Cesare Sacchetti, «quando vedremo realizzarsi le peggiori nemesi nella manovra economica, che prevederà un probabile prelievo forzoso sui conti correnti». Sarebbe la riedizione del 1992, quando l’allora primo ministro Giuliano Amato «decise di approvare questo furto a danno del risparmio dei cittadini italiani». Solo allora «verrà dichiarata la resa ai tecnocrati». E sarà «messo in un angolo» il governo presieduto da Matteo Renzi, «che non ha vinto nessuna elezione democratica ma è stato nominato dal Capo dello Stato». Tutto questo, mentre i signori della Troika faranno all’Italia quello che fecero nel 2011 alla Grecia, che in cambio dei 50 miliardi ricevuti sta privatizzando tutto: sono all’asta «porti, aeroporti, isole e acquedotti».


CONTINUA A LEGGERE

domenica 22 giugno 2014

Dentro la rete vaticana,diciamo stop alla pedofilia!

Da queste pagine vi ho segnalato in un post precedente di pedofilia e di come si stia radicando nella nostra cultura senza che la società stia battendo ciglio anzi....
Ebbene oggi torneremo a parlare di abusi sessuali pedofilia correlati a udite udite.....sempre il Vaticano.
Sembra che nella santa sede non si siano fatti mancare proprio nulla e continuano a venir fuori a valanga a distanza di molti anni, casi di abusi su minori conosciute e taciute dagli alti ranghi della chiesa romana.
A testimonianza vi invito a vedere un bellissimo live di TOMMIX dal titolo "mi vogliono morto live" dentro la rete vaticana che denuncia casi di abusi e anche di minacce a chi aveva denunciato...uno spaccato tragico della grave vicenda di corruzione della chiesa con  la complicità dello stato Italiano che pur sapendo tace e copre facendo si che l'ignoranza continui..
Vi invito a vedere,condividere e promuovere il video per dire no alla pedofilia


giovedì 12 giugno 2014

Il gioco più bello del mondo!

Le immagini che seguono nel video sottostante si commentano da sole,purtroppo lo scenario non cambia mai,magari varia il contesto ma il rapporto di forza è sempre uguale...."mortis tua vitas mea"
Il concetto è chiaro e ficcante,c'è chi piange e c'è ride...e chi ride difficilmente stà ad ascoltare o consolare colui che piange,anzi spesso se può lo calpesta senza alcuna pietà....ma bisogna ammettere che fà doppiamente male vedere questi presunti cristiani festeggiare smodatamente senza alcuna remore guidati dal loro leader religiosi che non spendono nemmeno una parola in favore di quelle persone che in Brasile sono morte in nome per un pallone.


Non prova vergogna questa gente?
Il signore disse  "ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi” Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”. Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?” Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.


A voi lascio le conclusioni dopo aver visto il video...preghiamo per i peccati della nostra chiesa e per i nostri fratelli Brasiliani



Vedi anche:Mondiali Brasile 2014, Mikkel Keldorf sul massacro dei meninos de rua